Premessa

Alex ed Estella sono fidanzati, la loro unione potrebbe essere del tutto normale se non si inserisse fra loro Dolores, l’amica di infanzia di lei. A complicare le cose ci si mettono i Tupamaros, che a dicembre 1996, effettuano una azione terroristica a Lima, dove lavora Julien, il ragazzo di Dolores. Tuttavia, quell’anno, è il fenomeno del Niño che determina il corso degli eventi. Alex infatti è un meteorologo, che ottiene grande fama mondiale con lo studio di questo fenomeno, ma ne è vittima degli sconvolgimenti climatici, di cui esso è la causa. Tra conferenze ed azioni terroristiche, Alex si trova coinvolto in un intrigo politico internazionale e, quel che è peggio, legato sentimentalmente a Dolores più che ad Estella. Ormai la loro vita è distrutta, a causa degli eventi provocati dal Niño e dall’Ipocrisia degli uomini, che porta Dolores sull’orlo del suicidio. La sola Speranza è il Cammino di Santiago, che i due fidanzati promettono al Signore per .....

 

Il romanzo fa parte della corrente letteraria del VERISMO INTERATTIVO, che consiste nel porre, all’interno del testo, argomenti sociali e di attualità che i lettori possono discutere come protagonisti nel forum messo a disposizione sul web dall’Autore. I problemi introdotti sono molti: la bramosia dei ragazzi di lasciare l’ambiente rurale per la più movimentata vita di città. La differenza tra amore ed amicizia: fino a che punto possiamo fidarci di un’amica? Terrorismo, politica, si combattono veramente o è solo Ipocrisia? La generosità delle persone umili. Le riflessioni sulla fede: siamo noi i padroni della nostra vita?

Protagonisti

I veri protagonisti sono: l’Ipocrisia, la Speranza e ... il Niño!

 

Personaggi principali.

Estella è la figura più importante del romanzo: è matura, capace di amare e di perdonare. Razionale quando c’è da aiutare l’amica, generosa con gli altri, coraggiosa nell’affrontare la giungla selvaggia e i terroristi, pur di salvare l’uomo che ama. Eppure anche lei aveva perso la fiducia!

Alex, è lo scienziato, professionalmente maturo, ma debole in amore. Non sa opporsi a Dolores ma neanche essere trainante nel suo rapporto con Estella. Sicuramente è un buono, ma deve avere più carattere.

Dolores è la ragazza di provincia, spontanea, ha voglia di vivere, agisce di impulso, decide più col cuore che con la mente. Combatte con forza le contrarietà della vita e, di problemi, ne ha tanti. Ma alla fine si arrende davanti al Fato.

Etienne è un colosso! È in grado di manovrare la gente come vuole, è padrone del mondo. Sa anche amare, ma se ne accorge quando ormai ha perso le migliori occasioni per farlo. Sa essere generoso, ma per molti anni si è fatto distrarre dai piaceri effimeri e il Signore lo punisce facendo scontare al figlio gli errori che avrebbe dovuto scontare lui.

 

Personaggi secondari.

Julien è nato ricco di soldi, ma povero di affetti. Si è imposto di costruirsi una vita normale, con caparbietà. E c’è riuscito! Il destino gli aveva riservato una vita mediocre, ma il Fato gli ha tolto anche quella.  

Evita è la ragazza che vuole arrivare in alto, senza scrupoli! Aveva avuto fortuna, ma il suo carattere non è stato all’altezza di coltivarla.

Beppino, è il nonno che molti di noi hanno avuto. Paziente, riflessivo, in grado di capire i problemi dei nipoti a volte meglio dei genitori. Ma il nonno non può sostituire i genitori!

Consuelo è la madre all’antica, capace di fare un’ottima torta o far quadrare il bilancio di famiglia con pochi spicci. Però è incapace di sostenere la figlia quando ne ha bisogno.

Felipe è un lavoratore, ma è pigro e non ha idee. Non è abituato a pensare, se lo costringono a ragionare, fa solo del danno.